Follow us

ViralOff

Press ReleaseIl Sole 24 Ore – Nel boom dei tessuti antivirus l’innovazione è made in Italy

Il Sole 24 Ore – Nel boom dei tessuti antivirus l’innovazione è made in Italy

L’industria tessile si sfida nella ricerca di tecnologie antimicrobiche.

(Moreno Soppelsa - stock.adobe.com)

Prima dell’era Covid la ricerca sui tessuti capaci di neutralizzare microrganismi si concentrava su soluzioni che impedissero al più il proliferare di cattivi odori. Ma il Covid19 ha modificato anche le priorità dell’industria tessile, dove le aziende oggi si sfidano nella creazione di tessuti capaci di eliminare virus e batteri patogeni. Secondo i dati di Global Market Insights, il mercato dei tessuti antimicrobici e antivirali valeva 10,48 miliardi di dollari nel 2019 e salirà a oltre 20,5 miliardi entro il 2026, con una crescita media annua del 9,8%. Un boom sostenuto dalla convinzione che, anche quando il Covid sarà debellato, la sensibilità dei consumatori globali per la tutela della propria salute resterà alta, a partire da ciò che si indossa. L’industria tessile italiana, la prima in Europa con un fatturato di 7,6 miliardi di euro nel 2019, è protagonista di questa evoluzione, come dimostrano i numerosi prodotti messi a punto anche durante questi mesi di pandemia.

 

Puoi acquistare il prodotto qui:

MARZOTTO – Il nuovo ViralOff

 

Il gruppo veneto Marzotto, insieme all’azienda svedese del biomedicale Polyigiene, ha adattato l’uso del trattamento antivirale ViralOff, già usato per mascherine e camici, su tessuti di lana, lino e cotone. Il trattamento era stato sviluppato da Polygiene per precedenti epidemie (l’influenza aviaria, il Norovirus e la SARS) ed è stato modificato e adattato al nuovo ceppo del Covid-19, eliminando oltre il 99% dei virus che potrebbero appoggiarsi sulla superficie del tessuto.

 

RONCATO – Mascherine ViralOff

 

 

L’azienda di Campodarsego (Padova) ha sviluppato in partnership con Polygiene una mascherina antibatterica e antivirale, chiamata ViralOff, che permette l’eliminazione fino al 99% di virus e batteri a contatto con il tessuto sia esterno che interno della mascherina, sul quale è stato effettuato il trattamento: utilizzabile fino a 7 giorni consecutivi, può essere lavata a mano una volta alla settimana riducendo l’impatto ambientale legato al lavaggio rispetto alle normali mascherine in tessuto che, invece, ne necessitano di uno al giorno.

 

Leggi l’articolo originale qui: IL SOLE 24 ORE 

 

Puoi acquistare il prodotto qui: